martedì 25 agosto 2015

Ahiò, Ehià e Ayaya

C'erano una volta tre amiche.
Amiche di vecchia data, si conoscevano da anni, alcune si frequentavano una volta, altre si erano solamente intraviste da qualche parte e poi, complice un sole salentino e qualche spritz fresco, si sono ricreati gli intrecci della vita.

Dicevo.
C'erano una volta tre amiche.
I loro nomi erano Ahiò, Ehià ed Ayaya.
Perchè così volle questa terra.
Questa terra fatta di sole, di mare e di vento. Di terra dura e solida, di nuvole passeggere, di colori vivaci, di profumi inebrianti, di sapori decisi.
Una terra con la sua corazza ricoperta di spine, come i tanti frutti che si trovano lungo le strade. Una corazza con le spine a difendere un interno morbido, dolce, succoso, vivo.

Una terra blu, azzurra, celeste, ciano, pervinca. Una terra blu come i zaffiri.
Una terra verde, lime, menta, muschio, giada.
Una terra verde come gli smeraldi.
Una terra gialla, beige, chiaro, luce, limone.
Una terra gialla come l'oro.

Ahiò, Ehià ed Ayaya, le tre amiche, si godevano la meritata vacanza. Nuotavano, giocavano, ridevano, leggevano, mangiavano, camminavano, bevevano, rosolavano, riposavano.
Abbronzavano i loro corpi, rigeneravano le loro menti, eliminavano i pensieri negativi e godevano della propria vita.

Ahiò, Ehià ed Ayaya rinsaldavano la loro amicizia, creavano legami con nuove persone - incontrarono anche le famose Letturine isolane - e chiudevano gli occhi, alla sera, stanche ma felici.

Finchè, un bel giorno, il signor Rientro non bussò alla loro la porta.
E' ora di tornare alla vostra vita disse con tono minaccioso.
Le tre amiche, tristi e demotivate, unirono le forze e prepararono i bagagli.
Magliette, gonne, camice, pantaloncini, costumi, gioielli, creme, sandali, infradito.
Tutto, con dovizioso ordine, fù inserito in valigie, borse, zaini.
La festa è finita urlò il signor Rientro. Tornerete nel grigio della vostra terra, tra smog, traffico, macchine, fabbriche, nebbia, freddo, neve disse ridendo, convinto così di potersi riappropriare della propria isola.

Ma Ahiò, Ehià ed Ayaya, le tre amiche, gabbarono il signor Rientro.
Perchè portarono con loro qualcosa che, nel controllo delle valigie, nessuno potè trovare.
Ahiò, Ehià ed Ayaya portarono nei loro occhi, nei loro cuori, nei loro sorrisi, la terra sarda.
Una terra fatta di sole, di mare e di vento.

3 appunti di viaggio:

silvia16 ha detto...

Daiiii voglio sapere tutto ,cosa avete fatto e visitato? Ottima scelta 😉

Federica ha detto...

Bentornata! Io l ho vista poco la Sardegna quest'anno ma mi è rimasta una gran voglia di tornarci l'anno prossimo

❤ Bida ❤ ha detto...

Bhè...che dire...UN SOGNO!

^__^


Bentornata amica mia!