giovedì 22 gennaio 2015

The gates

Ovvero, tradotto in italiano, Dietro il cancello.
Serial americano interrotto bruscamente alla fine della prima stagione, lasciando ennemila domande senza risposte.

The gates
In una cittadina circondata da alte mura e chiusa ermeticamente da enormi cancelli, vivono - all'apparenza pacificamente - una moltitudine di individui: la coppia di vampiri Claire e Dylan con la figlioletta, la giovane succube Andie ed il suo amico licantropo Brett, la strega Devon e la maga Peg con la figlia. A sconvolgere le loro vite arriverà Nick, poliziotto integerrimo, accompagnato dalla moglie Sarah ed i figli Charlie e Dana.
Malgrado le buone intenzioni iniziali, la convivenza tra le razze non è così facile come si possa pensare: le rivalità sono all'ordine del giorno, e le regole dettate non si possono infrangere.
Pena la morte.

L'intenzione del telefilm era buona, molto buona.
Esseri sovrannaturali che convivono con ignari esseri umani, tutti nascosti dietro questi grandi cancelli. Perchè fondamentalmente tutti, siano essi persone normali o con peculiarità magiche, hanno degli scheletri nell'armadio, nemici da cui nascondersi o vite da voler far ricominciare nuovamente.

Il problema alla base degli episodi, che ha portato alla successiva cancellazione dalle emittenti statunitensi, è a mio parere la mancanza di azione, e di suspance. Erano tutti episodi piatti, come se la storia si svolgesse completamente in piano senza scossoni. Ma di scossoni ce ne sono stati eccome, ma non sono stati enfatizzati, anzi: si è perso un po' tutto per strada.

Peccato.
Bocciato su tutti i fronti: non c'era nemmeno un figone da salvare in extremis!

1 appunti di viaggio:

MagicamenteMe ha detto...

l'avevo iniziata ma poi ho abbandonato