venerdì 18 aprile 2014

Persuasione

Col gruppo delle bloggherelle, unite ad altre appassionate lettrici, abbiamo dato il via ad un gruppo di lettura: si inizierà leggendo, mensilmente, un'opera di Jane Austen - autrice iper famosa di cui io non ho mai letto assolutamente nulla.

Persuasione
Ovvero la storia di Anne Elliot e di tutti quelli che le girano attorno.
Il padre Walter e la sorella Elizabeth, amanti della bella vita e desiderosi di mettere sempre in bella mostra il loro livello famigliare.
La sorella Mary, sposata con Charles, tanto egocentrica da non preoccuparsi minimamente delle persone che le ruotano attorno, compreso il figlio.
L'amica di famiglia Lady Russel, che non si fa minimamente i fatti i suoi e cerca sempre di consigliare, secondo lei nel modo corretto, le povere sorelle Elliot, Anne in particolare.
Le cognate Louisa ed Henrietta, che seminano sguardi adulatori in giro nella speranza di prender presto marito.
Il cugino Mr. Elliot e l'amica Mrs. Smith, tanto falso e viscido il primo come tanto sola ed abbandonata la seconda.
Il Capitano Wentworth, vecchio pretendente di Anne ora rientrato da una missione in marina.

Ora: Jane Austen è per molte di voi una icona, una tra le più amabili scrittrici dell'800.
Ecco, io ho finito il libro prima dello scadere della tappa semplicemente perchè ero stanca di avere a che fare con tutte quei voltafaccia e quel parlare alle spalle. In più di un'occasione avrei voluto, come dice Proletarina, diventare bidimensionale per entrare tra le pagine e prendere a schiaffoni un po' di persone. Non per fargli male, sia chiaro, ma per dargli una svegliata.
Perchè non può Anne passare tutto il tempo a farsi schiavizzare da tutti, a dire sempre di sì e a dar retta a chi non sa minimamente cosa sia quello che vuole lei realmente nella vita.
Perchè non può Lady Russel essere così invadente da voler decidere della vita di una, Anne, che non è nemmeno sua figlia!
Perchè non può il Capitano Wentworth scendere da una nave, due anni dopo la rottura con Anne, e limitarsi a pensare Io la amo ancora ma non so se posso andarla a trovare. Ma cavoli, muovi ste' chiappe e va' da lei! Male che vada ti dice di no, ma non puoi rimanere 6 anni col dubbio!
Perchè non può Mr. Elliot essere così viscido e manipolatore, capace di voltare la faccia ad una famiglia, la sua, solo per motivi economici, e poi tornare come se niente fosse - anche se ammetto che di persone così ora ne è pieno il mondo.
Perchè non può Mary essere così .. così .. Mary. Come farle capire che non tutto il mondo gira attorno a lei?

Insomma, ho assegnato 3 stelline al libro per la fiducia che ripongo nelle prossime letture - il mese prossimo ci tocca L'abbazia di Northanger: l'importante è non avere più a che fare con Anne e la sua famiglia!

Quando la sofferenza finisce, il suo ricordo diviene spesso piacere.
- Anne

PS al gruppo di lettura partecipa anche mia mamma, lei ovviamente col mega librone cartaceo che raccoglie tutte le opere. La pensiamo uguale su questo primo libro, chissà come mai!

0 appunti di viaggio: