lunedì 16 settembre 2013

Sogni di sangue

Che Lorenza Ghinelli sia una delle mie scrittrici preferite lo avreste dovuto aver intuire qua.
Quindi capirete bene perchè non mi sia potuta lasciar scappare il suo nuovo romanzo - tenendo anche conto del prezzo irrisorio a cui era proposto.

Sogni di sangue
La storia di Enoch, ragazzino costretto a camminare con dei tutori alle gambe per via di una malattia: gli sguardi curiosi dei passanti, le finte gentilezze dei conoscenti, le prese in giro dei compagni con le minacce di Alex, Gino e Francesca e, soprattutto, la freddezza della madre Dorotea.
Ben presto però Enoch si accorgerà di come, nei suoi sogni, possa invece reagire a tutte le bruttezze della vita. Arriverà così a vendicarsi di Alex per il pugno che gli ha dato, a spaventare Gino per le risa che non nascondeva ogni volta che lo vedeva e a scioccare Francesca.
Perchè lui può realmente uscire dai propri sogni per camminare, senza sostegni, nel mondo.

Ovviamente, bello.
Non come i precedenti, sia chiaro, ma forse ciò è dovuto anche alla brevità stessa della storia. Sta di fatto che, come sempre, l'autrice riesce a trasmettermi sensazioni forti, tetre e un po' macabre a dir la verità, ma pur sempre emozioni.

L'ho letto in una pausa pranzo, ed il giorno precedente, tornando a casa, mia mamma si è affacciata in camera mia e se n'è uscita con un ho visto quel libricino sulla scrivania, mi son permessa di leggerlo: bello!
Ora capite da chi ho preso i gusti un po' macabri?

2 appunti di viaggio:

Franci ha detto...

Mi sa che è proprio bello....mi piace la trama. Ma davvero è un po' macabro? Non sembrerebbe...probabilmente quando avrò finito questi di Marco Malvaldi, lo prenderò! A proposito...questo autore te lo consiglio. Se ti piace l'accento toscano, vuoi storie leggerine ed abbastanza esilaranti....prendili! Ne ha scritti 5. Lui scrive molto molto bene!

Luca Pelorosso ha detto...

Io l'ho a casa. Vedrò di leggerlo allora