sabato 18 maggio 2013

Book Blogger May - terza parte

Terzo appuntamento con il Book Blogger May di Strawberry.
L'argomento della settimana è semplice: libri da salone.
Che valore hanno fiere, incontri o seminari?

Ovviamente l'argomento cade a fagiolo con l'evento che si terrà questo fine settimana a Torino, ovvero il Salone del Libro. Malgrado la città sabauda sia la mia seconda casa, al salone in questione ci sono stata solamente una volta, qualche anno fa, e solo perchè avevo avuto l'opportunità di recuperare dei biglietti ingresso scontati.
Non perchè io sia venale, non è questa l'occasione. Ma perchè non sono tipo da fiera libraia.

Sicuramente è un'ottima occasione per incontrare gli autori presenti, partecipare alle discussioni / forum in diretta, visitare gli stand delle case editrici e valutare le novità in uscita prossimamente. Questo sia nella fiera per antonomasia, quella di Torino, sia nelle altre fiere che ho avuto occasione di visitare: il Salone del libro usato a Milano, la Fiera dei librai a Bergamo o il Fantasy books a Pandino (Cremona).

Ma, sebbene abbia avuto occasione di visitare più di una fiera del settore, come ho detto prima non sono tipo da fiera libraia.
Non compro mai nulla in queste manifestazioni, io devo avere attorno a me la tranquillità di una libreria dove sfogliare, guardare le copertine, leggermi con calma i quarti di pagina senza subire spintoni o sentirmi la calca delle persone addosso - o avere attorno ora la pace della mia scrivania per gli acquisti internettiani.
Non incontro mai gli autori dei libri, primo perchè non sono una che fa domande, non ho la curiosità di sapere perchè ha scritto questo o perchè Tizio fa questa scelta e Caio quell'altra. Solitamente non mi interessa nemmeno sapere quando uscirà la prossima opera del tal autore. Ma, soprattutto, non voglio rovinarmi l'idea mentale che mi sono fatta sia dei personaggi di un libro ma soprattutto dell'autore stesso (esempio semplice: avevo iniziato a leggere le saghe di Licia Troisi, poi sono capitata nel suo blog e ho sia letto qualche suo post sia ho visto qualche sua intervista. Ecco, ho interrotto la lettura delle sue storie perchè non mi piace come persona. Sarò razzista sotto questo aspetto, che vi devo dire?)
Non partecipo ai forum / gruppi di discussione che a volte si tengono nelle sale di queste fiere. Più o meno per lo stesso motivo di cui prima: non voglio rovinarmi le idee che mi sono fatta. Anche perchè, lo sappiamo benissimo tutti, un libro a qualcuno può piacere moltissimo ad altri meno ad altri ancora neanche un po'. Ognuno ha la propria interpretazione, e non vorrei che si lasciasse influenzare - e non voglio farmi influenzare - da interpretazioni altrui.

Insomma, sono una lettrice accanita fin da bambina ma non seguo gli eventi del settore.
E voi, ci andate alle fiere libraie?

4 appunti di viaggio:

Maurizio ha detto...

ti quoto

Federica ha detto...

proprio come te: son tornata a mani vuote!

Strawberry ha detto...

Io sono l'opposto... mi piace immergermi nelle fiere perché mi danno il senso di appartenenza e mi permettono di scoprire cose nuove, confermare idee che avevo ma anche sorprendermi e ricredermi, ché a volte anche questo è bello nella vita...
Ho finalmente pubblicato il post per il BBM... link questo tuo! ^^

Patrizia Pezzenda ha detto...

Ciao, bello il tuo blog, io son tornata con il mio vecchio blog se ti va passa a fare un giro! ciao!! Patty