venerdì 3 maggio 2013

Book Blogger May - prima parte

Strawberry, non troppi giorni fa, ha lanciato una bella iniziativa per il mese di maggio, mese dedicato completamente al mondo dei libri.
Ho deciso di partecipare.

Il primo step è: consiglia un libro dedicato al lavoro, attraverso le dirette tematiche o con il lavoro al centro della storia.

Ammetto di aver fatto fatica a trovare, tra le mie letture, un libro di questo genere. Non sono un'amante dei saggi o dei libri di attualità, ciò che leggo io è sempre e solo di fantasia. Però ci ho pensato bene e il primo testo che mi è venuto in mente è Sette fiori di senape (vedi link per la recensione).

Ho pensato a questo libro perchè il protagonista, quando inizia la narrazione, ha un lavoro fisso presso uno studio, prende tutti i mesi uno stipendio regolare e non ha grandi grattacapi a cui dar conto. Ma non è il lavoro che sognava, non è il lavoro che lo soddisfa, non è quello che fa per lui.
Così molla tutto e tutti e se ne va dall'altra parte del mondo a gestire un'orfanotrofio per conto di un'associazione. E' un volontario, non ha stipendio ma solo rimborsi spesa, non ha un ufficio ma solo una capanna, ed è già tanto se ha cibo e acqua con cui sfamarsi. Ma è soddisfatto, sa che il suo lavoro fa del bene a qualcuno, ottiene sorrisi in cambio di favori, sguardi di sincera gratitudine in cambio di un aiuto.

E, quindi, all'epoca della lettura mi ero ritrovata a pensare: ognuno di noi sta facendo il lavoro che avrebbe voluto fare? E se così non fosse, saremmo capaci di mollare tutto per ripartire dai nostri sogni?

1 appunti di viaggio:

Strawberry ha detto...

Sarebbe bello poter fare il lavoro che amiamo... peccato che oggi sia sempre più difficile...

mi segno il titolo e grazie per aver partecipato! :-)