domenica 7 aprile 2013

La madre

Martedì scorso cinema col mio solito amico fanatico, come me, dei film horror. Durante la pizzata pre-cinema ci siamo augurati a vicenda una buona visione, sperando che questo non fosse come l'ultimo film visto insieme - The devil inside, una ca**ta assurda alla fine del quale ci eravamo pure chiesti dove fosse finita la trama.

Effettivamente La madre una trama ce l'ha, e anche ben definita.
Peccato che non sia horror. Non ho sentito nessuno urlare, nessuno lamentarsi, nessuno è saltato sulla poltroncina, nessuno è svenuto. Al contrario, ho udito un paio di risate soffocate e qualche commento sarcastico.

La storia è molto semplice: due bambine - Victoria e Lily - vengono ritrovate dallo zio e dalla sua fidanzata in un capanno, dopo averci vissuto per 5 anni completamente isolate (erano state abbandonate dal padre dopo una crisi di testa).
Erano state cresciute e accudite da Madre, ovvero il fantasma di una donna che decenni prima era morta nel lago lì vicino.
Le bambine vengono riportate a casa, curate e fatte seguire da uno psicologo, in modo che le possa riportare alla realtà effettiva. Peccato che anche la Madre si sia trasferita, perchè vuole riprendersi a tutti i costi le bimbe.
Il finale è scontato: e vissero tutti felici e contenti.

Commento personale: alla fine mi è spiaciuto un sacco per il fantasma, che si fa un mazzo tanto per riprendersi le bambine solo per avere l'affetto che loro le avevano donato, ed invece fa una brutta fine.
Ecco, una mezza lacrimuccia mi è pure scesa!

2 appunti di viaggio:

MagicamenteMe ha detto...

brrrrrrr solo a vedere il poster mi vengono gli incubi!

nuvolette ha detto...

GIURO che volevo scrivere lo stesso identico commenti di Magiacamente, LO GIURO!!! :-)