mercoledì 27 marzo 2013

Letture veloci

Con la scusa degli ebook sto facendo fuori anche un po' di racconti, più o meno lunghi: da poche decine di pagine ad un centinaio, abbastanza da snocciolarsi senza pretese durante la pausa pranzo.

La fabbrica di Natale è un racconto che si trova gratuitamente sul sito horror.it.
E' una storia al limite del surreale con un Babbo Natale inca**ato nero, in quanto una grande fabbrica di giocattoli gli ha rubato il monopolio dei regali natalizi. Ora i bambini non mandano più la letterina a Babbo, ma si limitano a chiedere a mamma e papà cosa vogliono.
E quindi Babbo, aiutato dagli elfi e dalle renne, troverà il rimedio per riprendersi il potere: uccidere il padrone della fabbrica.
Tanto il suo vestito è rosso, mica si vede il sangue sparso!

Anche La lapide di ardesia si trova sullo stesso sito internet, e racconta la storia di Diego e Valeria. Lei un'amante delle storie dell'orrore, dei film splatter e della cultura dark (chi mi ricorda?), lui solo un marpione che la asseconda in tutto pur di strapparle qualche bacio ogni tanto. Peccato che a lei venga in mente di raccontargli la leggenda della lapide del cimitero, quella che compare all'improvviso con scolpita la data di morte di chi la sta guardando in quel momento.
Diego da quel momento verrà perseguitato da incubi e allucinazioni, sentirà voci strane, si sentirà perseguitato e, ovviamente, verrà mollato da Valeria.
E poi, giustamente, vedrà la lapide.

Il libro di Nod è, invece, un libro-manuale nato in teoria per i giocatori di ruolo di Vampire: la Masquerade. In pratica, è diventato per gli amanti del settore un po' la Bibbia vampiresca.
Tra le sue pagine vengono narrate le origini dei vampiri, dall'uccisione di Abele alla maledizione di Caino, dall'incontro che fece con Lilith alla strega che lo ingannò, fino al raggiungimento del suo massimo potere e alla creazione delle città-fortezza. Vengono spiegate anche le differenze sostanziali tra i 13 clan, i comandamenti a cui i Nuovi Nati devono sottostare e le regole tassative cui tutti devono seguire, pena la morte capitale.
Se vuoi sbarazzarti di un amico, sopravvivigli è il consiglio finale.

Santa Claus is coming to town è un racconto veloce veloce, della serie che inizi a leggerlo ed è già finito. La storia narrata è un po' truce: il protagonista è un Babbo Natale depresso che si scava una fossa e vuole tentare il suicidio. Chiede aiuto ad un passante - sperando ancora nella bontà delle persone - ma costui se ne va in quanto ha già altri pensieri per la testa.
Ovviamente Babbo Natale si ammazzerà, e il rimorso si farà vivo tra i pensieri del povero passante.

4 appunti di viaggio:

Chiarella ha detto...

Ma sai che io i racconti non riesco a leggerli...mi danno l'idea di una storia non approfondita o non finita.

Federica ha detto...

comprarmi un e-reader mi ispirerebbe più per accedere a questo tipo di libri che non entrano nei circuiti ufficiali... però non son ancora pronta XD

Katiu R. ha detto...

@Chiara
Anche io la pensavo allo stesso modo, ma ammetto che quelli che ho letto fin'ora alla fine era storielle che, effettivamente, non avevano altro da raccontare ..

@Fede
E se cominciassi a leggerli a computer o sul telefono? Così magari puoi capire come ti troveresti :)

Strawberry ha detto...

Oddio ma Babbo Natale nell'ultimo racconto muore! Non potete farmelo... :-D