venerdì 30 novembre 2012

Parasonnia

Appena comprai il googlettino, se ricordate bene, lessi questo ebook, trovato nella rete e preso più che altro per capire come funzionavano le impostazioni del reader.

Beh, le cose non vengono mai da sole.
Sta' di fatto che appena una decina di giorni fa ho incontrato su faccialibro l'autore, e dopo una chiacchierata veloce ho avuto tramite mail il seguito del romanzo (che trovate tranquillamente anche qua).
A dir la verità non è proprio il seguito perfetto del primo romanzo, ma idealmente si ispirano alle stesse cose: le case, la paura, i sogni, le realtà parallele, l'infanzia.

Questa volta protagonista è Paolo, che prende in affitto un appartamento in una villetta. Si dice che tale appartamento sia infestato dalla presenza di un ragazzino, che amava sbattere le porte e graffiarne i battenti. Ma sono solo voci dice il padrone di casa. Ma è la verità dice Serena, la dirimpettaia.
Ma Paolo conosce bene il confine tra i sogni e la vita reale, tra gli incubi e la realtà. Perchè ci è passato, da ragazzino. Il problema è che non sa che i sogni brutti possono perseguitarci. Possono arrivare addirittura ad uccidere se diamo loro corda. O meglio: noi possiamo arrivare addirittura ad uccidere se diamo loro corda.

Anche questo libro, purtroppo, non posso aggiungerlo sul mio profilo anobiano in quanto è un ebook gratuito. Peccato, perchè le 4 stelline se le sarebbe meritate completamente: la storia è avvincente, e ammetto addirittura che in alcuni punti è persino inquietante. Mi ha ricordato molto le atmosfere della saga di Saw, tanto che mentre leggevo un paragrafo, in pausa pranzo, ho sentito un rumore strano e ho tirato un urlo!

1 appunti di viaggio:

MagicamenteMe ha detto...

naaaaaaaaaaaa
grazie non fa per me :D