martedì 15 maggio 2012

I freni di Trenitalia

Venerdì mattina, treno Bergamo-Milano, ore 8.00 del mattino.
Salgo sul mio vangoncino e mi fermo nel disimpegno: non oso nemmeno cercare un posto a sedere, visto l'affollamento di pendolari presenti a quell'ora.
Il treno parte, in orario.
Nemmeno 15 minuti dopo, si comincia a sentire una puzza incredibile. Il mio naso superfino riconosce l'origine: sembra che qualcuno stia saldando del ferro all'esterno della carrozza. Peccato che il treno sia in movimento.
Alla prima fermata, sveliamo l'arcano: i freni di un paio di carrozze non si sono sganciati durante la ripartenza e quindi stridono contro la ruota.
Non vi preoccupate, nulla di grave: rallenteremo l'andatura ma non succederà niente è la risposta del capotreno.
Dopo 70 minuti - invece che i 40 previsti da tabellone - raggiungo Milano.

Domenica sera, treno Torino-Milano, ore 19.
Salgo sul mio vagoncino e mi siedo vicino al finestrino, accanto ad un paio di ragazze, un ragazzo e una signora straniera.
Il treno parte, in orario.
Alla seconda fermata, ovvero dopo mezz'ora di viaggio, il treno si ferma 200 metri prima della banchina della stazione. Si vedono i controllori ed i capitreni che vanno avanti ed indietro ma, ovviamente, nessuno ci dice nulla. Vado avanti a leggere il mio libro.
Dopo mezz'ora in cui non ci siamo mossi da lì, un'orda di passeggeri provenienti dai vagoni successivi al nostro si riversa tra i nostri corridoi, e così sveliamo l'arcano: l'ultima carrozza, a causa dei freni bloccati, si è riempita di fumo e poi ha preso fuoco.
Ovviamente le porte sono bloccate (il treno non è fermo alla banchina), i pompieri arrivano con calma dopo 15 minuti, e solo dopo che sono riusciti a staccare la carrozza hanno spostato i restanti vagoni in stazione.
Fermi.
Fermi.
Fermi.
Dopo 1 ora che siamo fermi immobili, e dopo che nessuno - nè controllore, nè capotreno, nè pompiere ci dica quale sia la nostra sorte - la voce automatica della stazione avvisa che i gentili viaggiatori che il primo treno utile per Milano arriverà al binario 5 tra 5 minuti.
Immaginatevi ora il totale dei passeggeri del mio treno che, in 5 minuti esatti di orologio, scende dai vagoni, prende il sottopasso e si dirige al binario indicato. E che, all'arrivo del treno, cerca di salire sui vagoni strabordanti di tifosi juventini di ritorno dalla partita.
Salgo tra gli spintoni e, come tanta altra gente, mi siedo in prima classe nei primi posti disponibili.
Scusate, ma con tutta questa gente in piedi il treno, per sicurezza, potrebbe non partire od effettuare ritardi. Scusate, ma il vostro biglietto non contempla il posto a sedere in prima classe.
Ecco, a queste parole il controllore ha rischiato il linciaggio.

Ma oliare i freni dei treni invece che limitarsi a pulire le giacche nuove dei controlli, costa troppo?

10 appunti di viaggio:

Eleonora Elan Sbettega ha detto...

Ma veramente?? Santo cielo questa è proprio al limite dell'allucinante! E dire che i fonti ferroviari non è che siano poi così scarsi, specie dopo i vari aumenti dei prezzi dei biglietti...
Indecente...
Davvero indecente!!

Almeno non ti è successo nulla comunque, dai ^^ Un bacione!

Valentina ha detto...

trenitalia è una schifezza, quasi peggio delle poste italiane!!

Maruzza ha detto...

che maledetti!
odio,odio profondo!ti capisco!
aggiungo che una volta mi è stato detto che i freni dei treni nn sono tutta salute anzi...respirare troppo quella puzza è pericoloso...

Strawberry ha detto...

Trenitalia ha tempo solo per aumentare il costo dei biglietti, poi dopo che ci sia un treno o un carro merci, una porta che non si chiude bene, i finestrini sigillati e l'aria condizionata non funzionante, il riscaldamento a palla ma i finestrini che non si chiudono, i freni staccati, la puzza o il fumo...a loro non gliene frega proprio niente...che indecenza...

Federica ha detto...

quello che a me dà più fastidio è la mancanza di informazioni: almenos apere di che morte si deve morire!

silvia16 ha detto...

che schifo.

silvia16 ha detto...

che schifo.

Silvia ha detto...

E ci credo che il controllore ha rischiato il linciaggio!

MagicamenteMe ha detto...

su trenitalia puoi sempre fare affidamento.
certo che il capotreno poteva anche evitare di dire certe cavolate!

Orari Treni ha detto...

Mbah situazioni che lasciano sempre un po' perplessi