mercoledì 22 giugno 2011

La donna bionica

Nell'arco di trent'anni ha:
  • spolpato un po' la tetta sinistra - giusto perchè mancavano delle biglie nella scatola dei giochi del figlio
  • sistemato l'occhio destro, dandogli una bella pulita - come si fa con i soprammobili - e sintonizzandolo sulle frequenze corte - in modo che non potesse saltare nemmeno una parola dei suoi romanzi rosa
  • sistemato l'occhio sinistro, lucidandolo un po' - come si fa con le palle da boowling - e sintonizzandolo sulle lunghe frequenze - in modo da non perdere di vista i movimenti sospetti del vicino
  • inscatolato la pancia in più sessioni, tramite una rete rigida - un po' come si fa con i tranci di tonno dalla pinna gialla tanto famosi in televisione
  • ricucito una vena della gamba sinistra - giusto perchè voleva allenare il chirurgo che da piccolo, in realtà, voleva fare il sarto
  • ripulito un'arteria della gamba destra - un po' come quando si usa il Viakal in bagno
  • provato l'ebrezza del cuore che batte forte - solamente perchè voleva imparare delle nuove parole in latino
  • eliminato dei puntini dal seno destro - solo perchè di polvere non se ne toglie mai abbastanza nemmeno a casa
In pratica Wonder Woman le fa un baffo in confronto.
La vera Donna Bionica, in questo caso, è mia mamma.

3 appunti di viaggio:

Barbara ha detto...

Lo dico sempre: le mamme sono dei supereroi!!!

Lunga ha detto...

detto così... fa decisamente impressione! Tu guardi troppa tv :D

Maurizio ha detto...

l 'importante è che sia andato tutto bene