giovedì 4 marzo 2010

Fuori di test

Ennesimo test che vaga per il mondo internettiano.
Questa volta l'ho preso in prestito da Pizia.

Hai mai avuto deliri di supremazia?
Sempre. Io mi sento sempre superiore agli altri, nel bene e nel male.
Piatto preferito?
La trippa.
Una pietanza che non mangeresti nemmeno sotto tortura? 
Le barbabietole rosse.
La tua favola preferita da bambino? 
I vestiti nuovi dell'imperatore.
Che lavoro fai? 
Lavoro per una società che progetta e realizza centri benessere e SPA.
Viaggio dei tuoi sogni?
Fino a poco tempo fa avrei risposto sicuramente New York. Dopo aver visto le foto di un viaggio in quella città, mi ha un po' deluso. Ora direi che qualsiasi posto va bene, l'importante è partire.
Cosa cambieresti di te fisicamente? 
La gobba che ho sul naso, regalo di una testata presa in prima elementare.

Qual è per te il momento migliore della giornata?
La sera quando torno a casa: PC acceso e gioco di WoW pronto ad aspettarmi!
L'ultima volta che hai pianto?
Dopo aver finito di leggere la trilogia della "Guerra degli antichi".
Cosa ti commuove?
A volte tutto. A volte niente.
Cosa ti fa ridere?
A volte tutto. A volte niente.
Perché leggi?
Perché mi piace, perchè mi rilasso, perchè gioisco con le parole e soffro con i protagonisti.
Cosa provi quando leggi?
Mi sento trasportata in un altra dimensione, a vivere una vita parallela alla mia.
Sei soddisfatto della tua vita?
Sì. Dopotutto bisogna imparare ad accontentarsi di ciò che si ha.
La tua vita ideale?
Ricca di soddisfazioni.
Una persona sopravvalutata?
Mio fratello.
Una persona sottovalutata?
A volte mi sottovaluto da sola.
A chi devi qualcosa nella tua vita?
A me stessa, perchè credo che è grazie alla mia caparbietà se sono dove sono, e sono cosa sono.
Chi, invece, ti ha ostacolato?
A volte tutti, a volte solo io.
A chi hai attribuito errori, ma poi ti sei accorto che erano stati commessi da te?
Al moroso.
Chi/cosa ti ha lasciato a terra e proprio non te lo aspettavi?
Sinceramente non sono mai stata così delusa da una persona. Anche perchè sono veramente poche quelle a cui mi affeziono così tanto da poter permetter loro, eventualmente, di deludermi.
Quale tuo desiderio si è avverato, ma poi ti sei reso conto che sarebbe stato meglio se fosse rimasto solo un sogno?
I miei sogni sono ancora tutti nel cassetto. Non l'ho ancora aperto, forse per paura di perderne qualcuno per strada.
Ti è capitato ancora di evitare di fare/dire qualcosa perchè ritenevi che un'altra persona potesse pensare che tu volevi prenderla in giro?
No. Io dico ciò che penso, sempre, nel bene o nel male. E la cosa di cui mi rendo conto solamente dopo è che a volte alcune parole possono anche far male.
La bugia/panzana/cazzata più grossa che hai raccontato?
Ne ho dette talmente tante da ragazzina che sarebbe impossibile ricordarle tutte. Peccato che fossero cavolate talmente grandi che se ne accorgevano tutti subito!
Uno stimolo della tua vita?
I libri. La musica. La coerenza.
La qualità che preferisci in un uomo?
Il non sapersi prendere sempre troppo sul serio.
La qualità che preferisci in una donna?
La capacità di non farsi mettere i piedi in testa solo perchè si indossa una sottana.
Quello che apprezzi di più in un amico?
La schiettezza, sempre.
Che cosa sognavi di fare da grande?
La poliziotta.
Il dono di natura che vorresti avere?
Saper scrivere bene. Non avere così tanta confusione nella mia testa da ritrovarmi con 47.512 spunti per altrettante storie.
Città preferita?
Torino, ma sono di parte.
Canzone o cantante preferito?
Vasco Rossi.
Ma la canzone che preferisco è senz'altro Perdere l'amore di Massimo Ranieri.

Libro o scrittore preferito?
Come libro direi senza ombra di dubbio Dracula di Bram Stoker.
Come scrittore forse citerei Giorgio Faletti.
Se vincessi la lotteria cosa faresti?
Dipende da quanto si vince.
Pensando in grande direi una casa, e dei viaggi.
Pensando in piccolo direi nulla, e li metterei in banca.

Che cosa ti fa arrabbiare?
Sono tante le cose che mi fanno arrabbiare.
Una su tutte la mancanza di coerenza nelle persone. Ed anche il credere di sapere già cosa penso o cosa voglio.
A cosa non riesci a resistere?
Alle barrette Kinder al latte.
Frase favorita?
C'è sempre chi sta peggio di me.
Sei innamorato/a?
Sì, decisamente.
Sei mai stato in due posti nello stesso momento?
Quando sogno, sempre.
Vizio capitale senza il quale non potresti vivere?
Senza ombra di dubbio, la gola!

Un ricordo delle elementari?
Ora di ginnastica, si stava correndo in senso orario in palestra.
Il ragazzino davanti a me si ferma di colpo.
Ed io, che già allora ero sempre la più alta, mi ritrovo la sua testa spiaccicata contro il mio naso. Ed ecco spiegata la mia gobba. 
Un ricordo delle medie?
Il mio compagno di classe teppista, tanto teppista da aver gettato un banco fuori dalla finestra della classe.
Alle mie compagne faceva scherzi dalla mattina alla sera.
A me non ha mai torto un capello. Forse perchè ero già grande due volte lui?!? 
Un ricordo delle superiori?
L'esame di disegno tecnico durante la maturità: ho iniziato la prova, l'ho finita, e mentre consegnavo mi sono accorta che era completamente sbagliata la piantina.
Torno al posto e ricomincio da capo.
Riconsegno, e sono sempre comunque la prima ad aver consegnato.
Il miglior ricordo della tua adolescenza?
Il mio approccio con Internet.

6 appunti di viaggio:

Pythia ha detto...

Che bello, son contenta di averti dato uno spunto :-)
Ho letto che abbiamo un po' di cose in comune, oltre al segno zodiacale cinese ;-P
Mi ha fatto ridere vedere che il piatto che io non mangerei mai è il tuo preferito! Ma sono così buone???
Se mi concedi un piccolo dissenso: Faletti non è uno scrittore. Lo sarà quando avrà l'umiltà di prendersi un buon editor, ora come ora si diverte a imitare Deaver, e non ci riesce neanche tanto bene. Nella mia modesta e onesta opinione, cordialmente: ho adorato Io uccido, poi un po' alla volta mi è scaduto, con gran dispiacere.
E ora concedimi un piccolo consiglio: nel cassetto tienici i calzini, i sogni sono fatti per diventare realtà. Basta un po' di coraggio e voglia di rischiare: parola di una che si butta nel vuoto, senza rete di protezione, con un paracadute che non si sa se si aprirà oppure no. Ho preso le mie batoste, ma ne è valsa la pena. Davvero. Anche perché sono riuscita dove in tanti mi dicevano non ce l'avrei fatta: altro che mastercard :D
Bacix

katiu ha detto...

A me i libri di Faletti sono piaciuti tutti. L'unico forse che mi ha lasciato un po' di amaro in bocca è quello con la raccolta di racconti (che per carità, erano pure carini, ma tutti senza un finale vero e proprio). Penso che per essere uno che fino a 10 e passa anni fa faceva lo scemo in televisione, di strada ne ha fatta.

Nel mio cassetto di sogni qualcuno è anche stato tirato fuori, valutato, soppesato e realizzato. Qualcun altro, dopo un'attenta valutazione, è stato gentilmente riposto nel cassetto inferiore, quello dei sogni impossibili. E quelli che rimangono sono in attesa di tempi migliori ;)

Edinoia ha detto...

sicuro prima o poi ti frego anche questo! ahahhahahaha

paola73 ha detto...

Bel test per conoscerti ancora un pò di più!

Silvia ha detto...

Hai preso una "testata" in prima elementare???

:-o

E da chi??

katiu ha detto...

@Silvia, dal compagno di classe che correva davanti a me e che, purtroppo, era molto più basso (la sua testa arrivava al mio naso!!)