mercoledì 5 novembre 2008

Votare il cambiamento

Non parlo mai di politica. Non me ne interesso, non l'ascolto, non la leggo, se possibile la evito.
Ognuno, in questo mondo, è libero di avere le proprie idee e le proprie convinzioni.

Stamattina però mi sono alzata, ho fatto colazione e, mentre mi preparavo, invece di guardare i cartoni animati (ebbene sì, non perdo una puntata di Alla ricerca della valle incantata) ho guardato il TG5. Spinta dalla curiosità di sapere chi avesse vinto le elezioni americane, mi sono ritrovata "felice" che, sul podio, sia arrivato Barack Obama.


"Noi non saremo un insieme di stati rossi e di stati blu. Noi saremo gli Stati Uniti d'America" ha detto, a fine discorso, davanti ad i suoi elettori e di fronte a mezzo mondo.

Spero che il cambiamento, ora, finalmente, abbia inizio.
Ne abbiamo bisogno.

15 appunti di viaggio:

Maffy ha detto...

Penso, anzi ne sono sicura, che la differenza in questa campagna elettorale l'abbiano fatta i 3$ che ho lasciato io per avere la spilla di propaganda di Obama....
Sai... sono stata da poco negli States... non mi ricordo se te ne ho parlato o no.....
Noooo... non ti ricordi? Ma come è possibile.... adesso la fotografo e la metto nel mio blog...

Edinoia ha detto...

concordo!
anch'io non mi sono interessata molto... però è vero, un cambiamento serve, urge anzi, e visto che molto dipende da loro, forza Barack!

Katiu ha detto...

Hai la spilletta di Obama e non me l'hai fatta vedere?!?!?!?! Ma come!!!!

Cmq, mi l'avevo capito che eri stata negli States ^____^

laura ha detto...

Anche io spero che l'elezione di Barack Obama dia un impulso nuovo alla politica mondiale. A me invece ha colpito molto, oltre alle sue parole, quanto dichiarato dal suo avversario dopo aver realizzato la sconfitta. McCain pur rammaricandosi della sconfitta ha riconosciuto i suoi errori e in Obama ha riconosciuto non solo il nuovo presidente degli Stati Uniti ma il suo presidente. Che differenza rispetto alle nostre elezioni, dove alla fine vincono sempre tutti e si fa la corsa per delegittimare l'avversario...

Simona ha detto...

YES, WE CAN!

Colei che... ha detto...

Anch'io contenta che sia stato eletto Obama. Mi ricordo di 4 anni fa... non potevo credere che gli americani avessero rivotato Bush! Speriamo che davvero riesca a "fare la differenza".

Luana ha detto...

..di certo è un messaggio di speranza al mondo :), una stupenda novità..anche a me ha colpito il contegno dignitosissimo ed educato dell'avversario.
Ciao Katiuscia :)

Silvia ha detto...

Sono molto emozionata dall'elezione di Obama! Mi sembra che possa essere un segno di svolta per il mondo! Speriamo...

;-)

Carino il tuo nuovo avatar!!!!

;-)

xina ha detto...

Questa frase mi è piaciuta tantissimo! Spero solo che non sia una frase costruita x il momento ma che che gli sia uscita un po' anche dal cuore.

Federica ha detto...

son contenta che abbia vinto lui perchè era dall'inizio che tifavo obama, però gli usa son gli usa... non so quanto potrà cambiarli davvero!

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Condivido in pieno! Grazie di essere passato da me, hai un bel blog, complimenti!

silvia78 ha detto...

Ciao Katiu, speriamo che Obama porti un pò di freschezza e serenità a tutti!
Yes he can!

dani ha detto...

hey katiu stavo ractando delle ghiande e passavo di qua
:)
io ho un mio pensiero sulla vittoria Osama....credo che la sua vittoria sia stata studiata a tavolino per un semplice motivo!
Oramai come ben sapete l economia Americana sta collassando e lo scettro della grande potenza passera' in mano a Cina ed India...e conoscendo gli americani....non hanno fatto altro che passare la miccia accesa ad una persona..di colore...e si sa'...che gli americani mai e poi avrebbero permesso un presidente di origini diverse!!
Staremo a vedere

non ho altro da aggiungere

Katiu ha detto...

Grande DANI, che oltre di ghiande e shampetti si intende anche di politica!

rotex ha detto...

un saluto veloce...scopro ora il tuo blog...
ora sonno...vado a nanna...
ciauuuu