domenica 5 ottobre 2008

La signora con la falce

Ci sono momenti, nella vita di ognuno di noi, in cui ci sentiamo spaesati, persi lungo una strada che sappiamo bene dove porta ma che, in realtà, non riconosciamo più.

Gli alberi, le case, il cielo e il prato sono gli stessi di sempre. Sempre colorati, profumati, illuminati. Quindi, se tutto è al proprio posto, se tutto è sempre in perfetto ordine, se nulla è stato spostato, cambiato, variato, perchè non riconosciamo più la nostra strada?

Semplicemente perchè fino ad un attimo prima, accanto a noi, c'era un'amica.
Un'amica silenziosa, mai invadente, sempre presente e fedele. Una di quelle amiche che basta guardarle negli occhi per capire cosa vogliono, per sapere cosa intendono dire. Non servivano le parole, d'altronde lei non le hai mai usate, non sapeva nemmeno cosa fossero le nostre parole. Bastava una carezza, un contatto, uno sguardo, un sorriso, una scodinzolata felice o un'inclinazione della testa, magari con le orecchie abbassate, come per chiedere "Posso?".

Poi la vita cambia, improvvisamente. Non c'è più il sole, non c'è più il cielo azzurro e nemmeno il verde degli alberi. C'è solo buio, freddo, vento e pioggia.
E paura.
Perchè tutto d'un tratto senti suonare il campanello, vai alla porta per aprire e ti ritrovi davanti la signora di nero vestita, con la sua falce in mano, pronta a portarti via ciò che hai di più caro in quel momento. E tu non puoi ribellarti, non puoi dire "No non farlo!" e metterti in mezzo per salvarla, come fanno nei film dove l'eroe di turno salva sempre tutti, buoni o cattivi che siano. Non puoi.

Puoi solo accompagnarla. Tenerle una zampa stretta tra le mani, per farle sentire il tuo calore. Accarezzarle il viso, per farle sentire che tu sei lì, con lei, che non l'abbandonerai mai e che le sarai per sempre accanto. Lisciarle il pelo, lucido, splendente, godere ancora di quelle sue sfumature rossastre che tanto risaltavano sotto il sole d'agosto. Puoi tranquillizzarla, dirle che d'ora in avanti non soffrirà più, che tutto il dolore che aveva dentro ora l'abbandonerà e che potrà tornare a correre, saltare, giocare, abbaiare, baciare, ridere e annusare.

E' quello che io ho fatto oggi. Le ho tenuto la zampa, le ho accarezzato il viso, le ho lisciato il pelo nero sfumato di rosso e l'ho tranquillizzata, cercando di trattenere le lacrime per non farla spaventare. Lei era stanca, non ha opposto resistenza quando la signora di nero vestita l'ha presa per mano. E l'ho lasciata andare, perchè comunque lei sarà sempre con me.
Ormai una parte del mio cuore è mancante, se l'è portato via lei stringendoselo fra i denti come fosse un giocattolo, come fosse la sua pallina o il suo biscotto mattutino.
E me ne frego di chi mi dice che "L'affetto di un cane è facile da rimpiazzare".
Me ne frego di chi mi dice "Non puoi paragonarlo con la perdita di una persona".

Oggi, sinceramente, me ne frego di tutti e di tutto. Ho svuotato il mio cuore a forza di trattenere il dolore. Ho svuotato i miei occhi a forza di piangere per il dolore. Sono senza forze. Non so dove guardare e non so cosa mi attenderà domani. E, francamente, ora non me ne importa.

Spero solo che, dove ora lei sia, sia tornata la Lola giocherellona di una volta. Quelle che mi rincorreva quando tornavo a casa. Quella che non mi mollava un attimo al mio rientro finchè non le davo il suo biscotto. Quella che scodinzolava come una matta quando arrivava Riccardo, lui che se la coccolava fino allo stremo. Quella che dormiva accanto a me, nel mio letto, sulle mie coperte, pretendendo un contatto fisico perenne. Quella che con il suo amico Romeo era "culo e camicia", la sua ombra. Ecco, spero che, dove ora lei sia, abbia ritrovato Romeo, Andrea, Alf e Kalì. Che le possano fare compagnia e darle la certezza che, da quaggiù, nessuno si è dimenticato di loro.

Ma so già che, malgrado questi buoni propositi, questi bei pensieri che mi sono messa in testa e queste speranze introdotte nel cuore .. so già che stanotte, al buio sotto le coperte, piangerò nuovamente la perdita di un'amica.


Arrivederci Lola.

17 appunti di viaggio:

Clorophilla ha detto...

Ti sono vicina e so cosa provi quindi non sei sola!

Katiu ha detto...

Le lacrime continuano a scendere ..

Clorophilla ha detto...

Fatti coraggio ora non soffre più...

veri ha detto...

ciao katiu, so cosa provi, ti sono vicinissima, i cani sono come le persone e quando vengono a mancare il dolore è identico, chi dice il contrario è perchè non ha mai amato un animale, so cosa stai provando, fatti forza, un bacio grosso, ma sopratutto un caloroso abbraccio.

bimbaa ha detto...

ho perso il mio micio qualche anno fa...è stato brutto tornare e non vederlo piu in casa ! purtroppo non avevo scelta,il mio nipotino è allergico e non potevo certo scegliere di "dare ad amici" il mio nipotino !!
però la mia casa sembra molto più vuota !
un bacio, era fortunata la tua Lola !!!
La-Rà

IVY ha detto...

Katiu cara amica.
Il tuo è un dolore forte, lo so.
Lola era un'amica, diversa da noi solo nelle fattezze, un'amica senza dubbio migliore di molti altri "esseri umani" detti tali!
L'amore degli animali e per gli animali non è una cosa di cui vergognarsi e nemmeno il tuo dolore anzi!
Ti sono vicina!

sweet candy ha detto...

Katiu un abbraccio forte forte!!!

Bida ha detto...

Cara Katiu,
mi spiace tanto tanto per questa grande perdita!
Coraggio..il tempo ti sarà amico!
Un abbraccio!





Ciao Lola..

paola73 ha detto...

Ti sono vicina in questo momento anche se le parole servono a poco..... e lo dico per esperienza diretta.... io ho perso in miei due amici ad una settimana di distanza l'uno dall'altro e nel peggiore dei modi (sono stati avvelenati l'anno scorso da bestie che appartenevano però alla nostra di razza).
Un abbraccio fortissimo
Paola

Luca ha detto...

Un forte abbraccio a te e ai tuoi!
Un sincero e affettuoso saluto alla vostra cara Lola!

calendula / trattalia ha detto...

so cosa provi, ti sono vicina, fatti forza, mi dispiace moltissimo...

xina ha detto...

Sai benissimo che io ho il terrore dei cani, e forse di un po' tutti gli animali domestici, non ne ho mai avuti e ho la sfortuna di non sapere cosa voglia dire amare un amico a quattrozampe...quindi è inutile che cerchi delle parole per consolarti....

...un abbraccio grande grande....

Ciao Lola!

Clorophilla ha detto...

Come stai stasera?

giringirella ha detto...

Ti voglio bene Katiu...

Federica ha detto...

sto piangendo come una fontana... mi hai fatto tornare in mente quando è morta la mia frifri a aprile!

Erika ha detto...

Piango con te... mi ricordo quando è morto il mio fumera..........

Katiu ha detto...

Erika, Federica ... pensate che magari Lola, Fumera e Frifri si sono incontrati, e ora magari stanno giocando insieme rincorrendosi fra le nuvole ...