mercoledì 6 agosto 2008

Lettere nere su carta bianca

Oggi ho avuto una strana conversazione.
Mi è stato chiesto perchè, durante la pausa pranzo, leggessi.
"Perchè mi piace leggere" ho risposto.
"Che schifo leggere" mi è stato detto con un'espressione che non lasciava alcun dubbio in merito ai suoi gusti.
"Leggere non fa schifo, dipende da qual'è la lettura che affronti. Se la storia è del genere che ti può piacere, è tutto di guadagnato. Si diventa più ricchi culturalmente e si imparano tante di quelle cose che, a scuola o in famiglia, non sempre vengono insegnate".
"Ma a cosa serve imparare ancora? Io ormai la scuola l'ho finita".

Non ho saputo cosa rispondere. Per me una delle cose più belle che si possa fare nella propria vita è, appunto, leggere.


I miei ripiani più alti


I miei ripiani intermedi


I miei ripiani più bassi

Nella mia libreria si può trovare di tutto. Dal Dracula di Bram Stoker ai libri di Herman Hesse, dalla saga di Laurell Hamilton sulla cacciatrice di vampiri Anita Blake al libro del Dalai Lama, dalle storie di Giorgio Faletti alle biografie di Vasco Rossi, passando dal "Signore degli anelli" e dalla vita di Marilyn Monroe.

Come si può bloccare la vita della nostra fantasia, impedendo ad essa di librarsi in volo tramite la lettura? Come si può smettere di sognare grazie a storie d'amore scritte secoli fa? Come si può non essere attratti da vicende fantastiche, storie realmente vissute e personaggi mitologici, che si parano davanti ad ogni voltar di pagina?

Cicerone una volta disse che una stanza senza un libro è come un corpo senza anima.

E un corpo senza anima, riesce a vivere?

8 appunti di viaggio:

Maffy ha detto...

Leggere è andare incontro a qualcosa che sta per essere e ancora nessuno sa cosa sarà...
(Italo Calvino)

Simona ha detto...

Sono perfettamente d'accordo te. Leggere ti apre la mente e ti porta in luoghi,che a volte,puoi raggiungere solo con la fantasia.E ti lascia un bagaglio inestimabile.

ric_da_inf ha detto...

Profondissimo questo pensiero.. speriamo di non fare un buco nel blog!
:>

Leggere per me e' :
- uno dei modi migliori per passare 3 ore di treno,
- la possibilita' di rilassare la testa dopo un'intera giornata lavorativa passata a "SFRUCUGLIARSI I MARONI" rispondendo a richieste impossibili,
- la continua possibilita' di apprezzare la creativita' altrui,
- l'oblligo imposto alla propria mente di interpretare le immagini e le sensazioni (che la televisione ha ucciso),


P.S. Ora picchio ema e lo obbligo a scrivere un POST!


Sciau
Ric

Alberto Vivaldi ha detto...

Premetto che leggo pochissimo.Le poche volte che leggo pero' apprezzo sempre moltissimo la creativita' della mente, o le esperienze vissute.Non si finisce mai di imparare...


Alb

Lauretta 81 ha detto...

Ciao...lascio un commento come tu hai lascito a me...
Abitiamo mooooolto vicine sai..e mi farebbe piacere inserirti nei miei contatti/amici blog...
Purtroppo l'indifferenza di cui ti parlavo la provo io...da una mia "amica" ormai ex che quando mi vede si gira dall'altra parte...ma va bhe è una storia lunga...spero di risentirti presto...anche via mail o magari msn sece l'hai..
Ciao ciao salutoni

Lauretta 81 ha detto...

bhe i primi passi ne ho fatti..e tanti..ma senza mai una risposta concreta..per questo mi fa arrabbiare l'indifferenza...
comunque io sono i Brignano :-)

Luca ha detto...

Ritengo che leggere ... oltre ad essere utile, sia anche rilassante. Mi piacerebbe riuscire a farlo molto piu' spesso di quanto in realta' riesca. Praticamente leggo molto solo in ferie e nei week-end (e nemmeno tutti!!). Su cosa leggere ... ognuno ha i propri gusti: la scelta e' molto molto vasta!!!

IVY ha detto...

ehm Katiu ...."resti mortali" ????!!! AIUTOOOOO