mercoledì 25 giugno 2008

Gelato a fiumi .. anzi a coppette!

Ieri serata all'insegna del gelato. E che gelato: quello di Grom!!!

Nel pomeriggio mi arriva una proposta a cui proprio non posso rinunciare, una di quelle offerte a cui è dura riuscire a dire di no. Michela e Paoletta erano in zona Bergamo, e proponevano a noi "indigene" di fare con loro la cena in gelateria. Detto fatto, mi sono iper organizzata!

Ore 18.00: esco a tutta velocità dall'ufficio e mi immergo nel traffico cittadino. C'era un motivo per cui odiavo le città, e l'ho riscoperto proprio ieri sera: il traffico. Gente che ti taglia la strada, motorini che sbucano all'improvviso da tute le parti, pedoni che compaiono dinanzi a te dal nulla. No no grazie, preferisco i miei prati, i miei fossi e i miei alberi.

Arrivo comunque, stremata, alle 18.40 in viale Papa Giovanni, dove incontro già le mie socie d'avventura: Ivana e Marina. Poco più tardi, arrivano le organizzatrici: Paoletta e Michela.

Saluti e baci, ciao come stai, da quanto tempo aspettate, come va la vita, e via dicendo. Ma non ci siamo ritrovate per un motivo? E allora, che inizino le danze!

Ivana, Marina, Paoletta, Michela ed io

Le danze sono proseguite a spronbattuto. Si è iniziato con molta calma, con un nocciola e crema come una volta, per poi andare su un lattementa e cioccolato fondente, cioccolato extranoir e torroncino, crema di grom e pistacchio, gianduia e crema di grom finendo con stracciatella e caffè. Questi i gelati che abbiamo mangiato tutte insieme? No no, questi i gelati che ho mangiato io!

In pratica Ivana ci ha abbandonato alla seconda coppetta, Marina è riuscita a prendere la terza .. ma gliel'abbiamo terminata noi, mentre io, Michela e Paoletta siamo arrivate a quota 6 a testa. A pensarci bene, io e Miky forse ci saremmo anche fatte la settimana, ma poi sarei veramente tornata a casa un pochino gonfia!

Katiu, Paoletta e le coppette rimaste .. rigorosamente vuote ..

Che dire, a volte una sana scorpacciata di gelato, assieme a delle amiche, può sì rendere lo stomaco esageratamente gonfio, ma può anche svuotare la mente, far sì che tutti i pensieri brutti, neri, pesanti, se ne vadano per un po'. Giusto il tempo per far splendere il sorriso, e per godersi la serata. Poi possono anche tornare, ripresentarsi nuovamente e magari anche più minacciosi, ma con lo stomaco pieno e il cuore rinfrancato, si affronta tutto con più determinazione e maggior sicurezza.

D'altronde, il gelato è un po' come l'amicizia: rinfresca il palato, solletica le papille gustative, riempie lo stomaco, annebbia i pensieri e disseta lo spirito.

5 appunti di viaggio:

IVY ha detto...

KATIU CARA se non fossi potuta rimanere con voi sinceramente non so se sarei arrivata a 6, però la terza me la sarei fatta volentieri ... ma qualcuno mi aspettava a casa e non potevo trattenermi oltre!
Fatto stà che questa esperienza è da rifare! di sicuro!
MENO MALE CHE SIAMO A DIETA!

sweet candy ha detto...

Cavoli il torroncino però non mi ha sfiziato... ma pistacchio e crema di Grom da standig ovation!
W il gelato!

IVY ha detto...

Grazie katiu per aver messo in evidenza il mio blog ... ti inserisco pure io nel mio ... ma uè, quella dichiarazione che hai messo è necessaria a tuo avviso?

ric_da_inf ha detto...

Senza parole katiu.. ma alle tue amiche hai confessato che non le hai neanche sentite le prime 6 .. e volevi azzardare una pasta a casa ?

ocramoi@libero.it ha detto...

Che dire! se risolvere problemi con del gelato è la massima ambizione di vita! io non ne sarei tanto orgoglioso. E poi l'hai detto tu, i pensieri ssi ripresentano appena la narcosi da gelato svanisce!
ciao