martedì 11 marzo 2008

Londra

Una città che ti lascia senza fiato, senza parole.

Multietnica, modaiola, incasinata, all'avanguardia, contraddittoria. Ecco, sì, la parola che secondo me meglio la definisce è proprio contraddittoria.

Ci ho trascorso solo 4 giorni, a dicembre 2007, ma l'impressione che ho avuto è di una città comunque sempre alla ricerca di una vera identità. Quartieri cinesi e quartieri marocchini, negozi arabi e negozi sudafricani, italiani, belgi, olandesi, sudamericani, giapponesi. Talmente tanti colori, tante facce, tante identità che anche io, camminando guardando osservando, mi sentivo spaesata.


Chinatown, il quartiere cinese

Case tutte uguali, tutte dello stesso colore, tutte con le finestre bianche allineate, i portoncini colorati, gli scalini di accesso. Eppure tante persone diverse, tanti modi di vivere. Per assurdo, la signora del B&B in cui abbiamo soggiornato era giapponese, con il marito italiano .. di inglese nulla, solo le parole, solo la casa.

Il quartiere che ci ospitava, Marble Arch

Il Big Bang

Ma il bello era proprio questo: la contraddizione, che distingue questa città dalle altre. Si parla tanto di hooligans, di minorenni assassini, di vandalismo, e uno si immagina di trovare chissà che cosa ad attenderlo. E invece non una cartaccia per terra, non una regola non rispettata. Come dimenticare il fatto che, sulle scale mobili della metropolitana, se tu stai fermo sul gradino lasciando che sia la scala a "portarti a destinazione", devi tenere obbligatoriamente la destra, perchè a sinistra tutti corrono come matti per non perdere il treno, o come dimenticare il fatto che chi suona o si esibisce nelle metropolitane ha un pass di ingresso, e ci sono degli appositi spazi delimitati in cui esibirsi, pena una multa.


 Il Tower Bridge

Bevono, è vero, gli inglesi amano bere. Ma solo dopo una certa ora (le 21 se non ricordo male). Prima tutti sull'attenti, tutti tranquilli. Uomini che parlano di calcio, donne che parlano di gossip. Una scena normale, già vista. Ma alla sera, al chiarore della luna, tutto cambia. I ragazzi passeggiano con il bicchiere di birra in mano, le ragazze malgrado il freddo che faceva a dicembre viaggiavano in canotta e minigonna. Tutto un altro mondo. Il giorno e la notte. Il sole e la luna.
Il quartiere moderno accanto al Tower Bridge

Londra è anche questo. Storico e moderno, bianco e nero, buono e cattivo. Tutto amalgamato, tutto mescolato insieme. Eppure tutto in perfetta sintonia, tutto in linea senza sgarrare di una virgola. Tutto sistemato. Tutto e il contrario di tutto.

Londra, capitale del Regno Unito. Londra, capitale del mondo.

9 appunti di viaggio:

ric_da_inf ha detto...

E che dire anche del naso che quando lo soffiavi ... copriva di nero il fazzoletto ? Ed i km a piedi che ci siamo macinati in 4 giorni ? Che dire del freddo della madonna che ci ha obbligato a rintanarci nelle "caverne metropolitane".. fuori 2/3 gradi , dentro 20/22 ...
Comunque Londra e' una citta' all'avanguardia, come potranno essere le nostre tra 10 anni se e solo se i processi di integrazione culturale andranno nello stesso modo!!!

Tutta la sofferenza e' comunque stata ricompensata.. Londra e' uno spettacolo.

ric_da_inf ha detto...

Dimenticavo ... tutto cio' che e' museo gestito dalla corona (St.Patrick,London Eye, I gioielli etc.. ) ...... BUUUUUUUUUUUUUUUUUUU .. costano carissimo e c'e' poco da vedere.
Viva il British ed il Natural Science Museum .. gestiti dal comune, hai tantissimo da vedere ed apprezzare e sono ad offerta libera!!!!!!!!!

Katiu che ne pensi ?

Katiu ha detto...

Penso che Londra sia una città meravigliosa, che sfrutta al pieno delle sue possibilità le attrazioni turistiche, dando la possibilità a TUTTI di vedere, conoscere, apprezzare, parte del suo patrimonio.

La Corona si fa pagare, è vero, e tanto anche. Ma d'altronde, senza farsi pagare in quel modo, come potrebbe mantenere in piedi Buckingham Palace, come potrebbe permettersi di spendere in lungo e in largo per tutte le manifestazioni che fanno (pensa solo al tempo perso per fare il cambio della guardia). Da qualche parte i soldi li dovranno pur prendere, o no?!?

IVY ha detto...

Ciao Katiu, beati voi che avete visto Londra dev'essere proprio stupenda!
Caro Riccardo, chissà come mai nelle tue parole ritrovo quello che mi dice sempre mio marito, che sono una rompi ....
Katiu è veramente una grande (non nel senso di altezza come dici tu) e tu sei molto fortunato! Sicuramente anche lei sarà fortunata ad avere te!
Però prima devo conoscerti. Allora quando mi invita a pranzo da te??? Katiu dici che cucini molto bene!

Del suo vizietto ... quello là ... di cui parlavi .... che è drogata ... bhè la capisco sono drogata anche io di internet. Abbiamo lo stesso pusher!
Bacioni stelase
Ivy

vale ha detto...

uh che bello, ho sempre più voglia di andarci!

Katiu ha detto...

Vale, confermo: Londra è una città che merita, almeno una volta nella vita, di essere visitata. Ti colpirà per i colori, per la frenesia, per la gente, per le regole, ma soprattutto per i "paesaggi cittadini": sono uno spettacolo!!!

bida ha detto...

Ciao bella gente!!
Si..SI..
Faccio capolino anche qui..e poi me ne torno al lavoro!!
Concordo con Katiu..Londra deve essere proprio uno spettacolo!
Speriamo di poterci andare presto...
Carissimo Riky..anche se non ci siamo mai presentati, mi sembra di conoscerti...SEI FAMOSO soprattutto per la tua cucina!!
Tranquillo..ti avviseremo per tempo...
Sappi che stiamo organizzando un pulmino e poi veniamo tutti da te a mangiare!
Grazie per l'invito!
E poi un'ultima cosa..anch'io sono drogata di internet. Abbiamo TUTTE lo stesso pusher!
Buona giornata e grazie Katiu, perchè con i tuoi racconti e foto, posso viaggiare anch'io che non l'ho mai fatto.
Un bacio
Daniela

Katiu ha detto...

Daniela, per me è un onore poterti far viaggiare, anche se "solo" in questo modo.
Vedrò di aggiornare il più possibile la mia "casetta viola" inserendo le foto di tutte i luoghi che ho visitato, per dare a tutti la possibilità di viaggiare ^__^

ric_da_inf ha detto...

Ho parlato con mia sorella .. che lavora ad una delle asl di Torino, e supporta le persone di psichiatria. Ha detto che dietro compenso potrebbe organizzare sedute per le persone in crisi di astinenza frequente da assenza di internet.


Io famoso per la mia cucina ? Tutte le ricette sono della mamma.. santa donna, diciamo che copio/incollo, nulla di piu'!